Cervia: un nome, una leggenda.

Cervia, la nostra suggestiva località di mare, non si è sempre chiamata così, un tempo era conosciuta con il nome di Ficocle e non era collocata dove si trova attualmente.

L’origine del suo nome sembra essere legata ad un antica leggenda secondo la quale un giorno, un cervo tra i tanti che popolavano la nostra antichissima pineta, si inginocchiò in segno di devozione davanti al vescovo di Lodi, in visita in questi luoghi. Da quel momento in poi sembra che risultò naturale chiamare la città Cervia, non solo per ricordare lo straordinario avvenimento, ma anche per sottolineare la caratteristica presenza di questi animali nelle nostre pinete.

Questa non è però l’unica spiegazione esistente. Una versione diversa suppone infatti, che la sua derivazione sia da collegare alla presenza nella nostra località degli “Acervi” (dal latino acervus che significa cumulo), gli enormi mucchi di sale depositati ai margini della salina dopo ogni raccolta. La città del sale, una volta chiamata Ficocle, si trovava infatti un tempo proprio in mezzo alle saline e c’è chi sostiene dunque che il suo cambio di nome sia avvenuto proprio per questo motivo tra il X e XI secolo, quando l’estrazione del sale aveva registrato un ingente aumento.

Tra le due leggende, la prima versione sembra essere comunque la più convincente anche per gli stessi cervesi, tanto che anche lo stesso stemma della città rappresenta proprio un cervo dorato inginocchiato su terreno verde.

Questa graziosa e suggestiva località chiamata Cervia è un piccolo tesoro della Romagna che vale la pena visitare, fosse anche solo per una gita fuori porta in giornata o perché no per una bella e rilassante Vacanza vista mare.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *